L'inverno cambia l'alimentazione del cane?

Gestisci bene la pappa del tuo Fido in inverno e tieni a mente alcuni buoni consigli per il Natale.

Alimentazione per cane
Cosa cambia durante la stagione più fredda.

Le temperature rigide dei mesi invernali fanno battere i denti anche ai nostri cani, non solo a noi. Esiste una zona di benessere termico che è compresa tra i 15 e i 25 °C, all’interno della quale i cani non devono difendersi né dal freddo né dal caldo. Al di sotto di queste temperature, soprattutto i cani che passano molto tempo all’aperto, aumentano lo spessore del mantello e quello del pannicolo adiposo, per difendersi dal freddo.

La miglior difesa è la pappa.

Un’alimentazione completa e bilanciata è ciò che ci vuole per far affrontare al nostro cane un inverno sereno. Quando la temperatura si abbassa, il fabbisogno calorico si alza e bisogna aumentare la razione giornaliera. Su questo, i prodotti Umidi Schesir sono una sicurezza. Solo ingredienti naturali e materie prime di qualità. Anche le crocchette Schesir rappresentano una fonte importantissima di energia. Se il pasto è completo, non serve nient’altro.

Attenzione alle feste di Natale.
Durante il periodo natalizio, le nostre tavole sono imbandite di ogni prelibatezza che a volte ci piace condividere con il nostro cane. È un atto di debolezza che non dovremmo concederci perché alcuni alimenti non sono adatti ai nostri amici.
Ecco alcune leccornie da cui i cani devono stare alla larga:
  • Zucchero e dolciumi. I primi indiziati sono loro, ovviamente. Non è nella natura degli animali mangiare dolci e il cane non è da meno. I rischi per i nostri amici possono essere: problemi ai denti, aumento di peso e diabete. Via anche quelli senza zucchero perché contengono lo xilitolo.

  • Cioccolato fondente. Non farti trarre in inganno dal poco apporto di zuccheri. Il cioccolato, tutto il cioccolato, e anche il cacao, sono banditi.

  • Ossa e ossicini. Niente costolette di maiale, ossa di pollo o di coniglio per il tuo Fido. Il motivo? Possono facilmente rompersi e diventare taglienti. Le uniche ossa consentite sono la testa del femore o il ginocchio di bovino, anche se bolliti. Sono spugnosi e se si rompono non formano schegge appuntite.

  • Uva, uvetta e snack salati. Queste sfiziosità sono da tenere fuori dalla portata dei nostri pet. Contengono potenziali rischi per la salute proprio come i dolci.

Quando l’inverno arriva, tu e il tuo inseparabile amico a quattro zampe fatevi trovare pronti.