I gatti cambiano i denti? Sì! Scopri tutto ciò che devi sapere

Sapevi che proprio come succede per gli esseri umani, anche i gatti cambiano i denti?

Questo processo avviene in un preciso momento dello sviluppo del tuo amico a quattro zampe e può provocare in lui parecchio fastidio. La perdita dei denti da latte e la crescita di quelli nuovi e definitivi, infatti, è spesso dolorosa.

In questo articolo ti lasceremo diverse informazioni che speriamo possano esserti utili per affrontare questo momento della vita del gattino. Speriamo che le nostre indicazioni possano aiutarti a far sentire quanto meno fastidio possibile al micio.

A che età i gatti cambiano i denti?

I gatti cambiano i denti a età diverse a seconda della razza e, come potrai immaginare, non cadranno tutti insieme.

In generale possiamo dire che la caduta dei denti da latte inizia intorno ai 3 / 4 mesi di età e termina circa al settimo mese.

Le fasi della dentizione nel gatto

Quando si parla della dentizione del gatto è interessante conoscerne le varie fasi. Questo, infatti, ti aiuterà a capire meglio alcuni atteggiamenti del micio. Riconoscendo i sintomi della sostituzione dei dentini da latte, potrai intervenire subito aiutando il micio a sentire meno dolore possibile in questo momento di cambiamento.

Cominciamo dall’inizio: i gattini appena nati, infatti, non hanno i denti. I cosiddetti “denti da lattespuntano solamente tra la seconda e la terza settimana di vita. I primi a spuntare sono incisivi e canini, successivamente è il turno dei premolari.

Intorno all’ottava settimana tutti i dentini sono spuntati e questo è il periodo in cui generalmente deve iniziare lo svezzamento del micio, cioè il passaggio dal latte (cibo liquido) a un’alimentazione prima semisolida e poi, infine, solida.

A questo punto, tra il terzo e il quarto mese, i dentini da latte inizieranno a lasciare il posto a una dentatura definitiva. Questa sarà meno appuntita e affilata e decisamente più robusta. Dai 26 denti iniziali, al termine di questa fase il gattino avrà 30 denti: si saranno aggiunti, infatti, i quattro molari.

Il processo terminerà in maniera definitiva intorno al settimo mese d’età.

Le fasi della dentizione del gatto

Sia nel momento in cui spuntano quelli da latte, sia quando i gatti cambiano i denti, potrai notare nel tuo micio alcuni sintomi abbastanza semplici da riconoscere.

Il gattino, infatti, in questo periodo proverà fastidio e dolore alla bocca. Ciò sarà dovuto allo spingere dei nuovi denti sulle gengive.

Sappi che questa la situazione lo renderà un po’ più nervoso del solito e lo spingerà a voler rosicchiare superfici dure e a mordicchiare qualsiasi cosa trovi in giro.

Osservandolo potresti notare anche irritazione alle gengive oppure, avvicinandoti, potresti accorgerti di una discreta alitosi.

In alcuni casi il micio potrebbe avere difficoltà di masticazione e addirittura perdita di appetito.

Non preoccuparti perché è tutto nella norma. Se la situazione persiste o per una rassicurazione in più, ti suggeriamo di parlare con il tuo veterinario di fiducia che saprà certamente consigliarti al meglio.

Alcuni gatti possono presentare anche un po’ di febbre durante la fase di cambio dei denti: per scongiurare qualsiasi altro tipo di problema, ancora una volta è importante il consulto con il veterinario.

Quali problemi possono sorgere quando i gatti cambiano i denti?

In linea generale quando i gatti cambiano i denti tutto procede tranquillamente, ma non è da escludere che possano insorgere alcuni problemi, generalmente poco gravi e risolvibili in poco tempo con il supporto del tuo veterinario di fiducia.

Tra le problematiche più comuni ci sono i denti da latte persistenti. Questa situazione avviene quanto il dente nuovo non riesce a spostare quello da latte che, non cadendo, ostacola la sua crescita. È il caso in cui possono manifestarsi i “denti doppi”: cioè quando il dente da latte e quello definitivo si trovano uno di fianco all’altro. Spesso la problematica si verifica con i canini. Nel caso dei denti persistenti è probabile che sia necessario l’intervento del veterinario per estrarre il dente da latte.

Un altro problema che può sorgere durante il cambio dei denti è quello del dente definitivo mancante. Può succedere, infatti, che il dente da latte non cada. Solitamente le ragioni sono due: la radice del dente non si ritira e ostacola l’uscita di quello definitivo oppure, per ragioni genetiche, quest’ultimo non è presente. La soluzione all’ultima problematica è fare una radiografia per capire se sia necessario preserva il dente da latte o meno.

In generale, comunque, possiamo dirti di non preoccuparti troppo perché i casi di problematiche quando i gatti cambiano i denti non sono così frequenti come potresti pensare.

Come aiutare il gattino durante la dentizione

Durante il periodo in cui i gatti cambiano i denti è importante che tu sia presente e attento per aiutare il micio a sentirsi più a suo agio.

Per farlo esistono diversi accorgimenti che potrai prendere, i più importanti dei quali riguardano certamente l’alimentazione.

L’alimentazione

Come abbiamo visto, può capitare che un gattino che sta cambiano i denti diventi inappetente oppure possa avere problemi di masticazione.

La prima soluzione da tenere in considerazione riguarda la possibilità di venire incontro al suo fastidio somministrandogli una pappa morbida e gustosa che non solo lo aiuti a non sentire male, ma che gli stimoli l’appetito.

I cibi umidi per i gatti kitten, ad esempio, sono perfetti. Le ricette per gattini piccoli sono pensate appositamente per soddisfare il gusto del micio, sono facilmente digeribili e non andranno a pesare sulla masticazione come, al contrario, potrebbe fare una crocchetta.

Queste ultime, però, possono essere molto utili per aiutare la caduta dei dentini più resistenti. Potresti aggiungerne un po’ all’umido.

Se vorrai alternare umido e secco durante le fasi della dentizione, allora, potresti bagnare con un po’ di acqua tiepida le crocchette per renderle un pochino più morbide e più facili da masticare.

Ricorda, comunque, che il cibo secco sarà di fondamentale importanza soprattutto una volta finita la fase di crescita dei denti definitivi: le crocchette, infatti, stimolano la masticazione e contribuiscono alla salute dentale del micio e alla sua igiene orale.

Per approfondire il discorso sull’alimentazione del micio, leggi il nostro articolo dedicato al miglior cibo per gatti kitten.

I giochi

Un altro aiuto che potresti dare al tuo gattino mentre sta cambiando i denti, è quello di comprare per lui alcuni giochini studiati appositamente per questa fase della sua crescita.

In commercio esistono diversi giochi da masticare che lo aiuteranno a sentire meno male, a scaricare un po’ di nervosismo ed eviteranno che il micio si accanisca sui tuoi mobili di casa.

Assicurati che siano giochini adatti alla sua età, atossici e non pericolosi.

Massaggio gengivale

Infine, dopo averlo abituato al contatto durante le coccole e il gioco, potresti provare ad alleviare il dolore con un massaggio gengivale.

Questa pratica sarà molto utile anche successivamente e abituerà il micio a farsi toccare la bocca da te e dal veterinario in vista di possibili problematiche future.

Ora che sai che anche i gatti cambiano i denti e ora che ti abbiamo lasciato diverse informazioni e consigli su come affrontare questo momento di crescita del tuo micio, speriamo che tu ti senta più preparato per affrontare la situazione. Ci auguriamo che le nostre indicazioni possano essere utili affinché il gattino senta meno fastidio possibile durante le varie fasi della dentizione.